Claudia, dal sorriso a un nuovo star bene

 

Claudia, 32 anni. Bella ragazza, lo sguardo apparentemente stanco contrasta con la regolarità dei lineamenti, il viso da ragazzina, la pelle giovane nonostante piccole imperfezioni, ricordo di un’adolescenza con fastidiosi brufoli. Occhi grandi, tra il verde e il nocciola, con qualche iniziale segno d’espressione che li incorona.

“Non sono contenta del mio sorriso…” esordisce, con un accenno di timidezza nel fare questa affermazione, che quasi fatica a motivare. “Lo vorrei più bianco, come da bambina e più… dritto”.

Ne parliamo insieme, durante la visita, che evidenzia una buona cura riguardo l’igiene quotidiana. Ma anche, è vero, qualche ombra di troppo, qualche accenno di macchie a livello dello smalto dentale, che Claudia imputa a “molti caffè e qualche sigaretta di troppo”. Queste pigmentazioni si accentuano tra gli incisivi un po’ affollati, difficili da pulire.

La rassicuro, non deve certo sentirsi giudicata! Siamo qui per ascoltare, motivare, consigliare. È il senso di ciò che facciamo ogni giorno. Sembra distendersi, si apre un po’ di più su un periodo stressante: “Problemi personali e sul lavoro… non sono più convinta di essere nel posto giusto, non sono rilassata… non riesco a dormire bene e mi sento sempre stanca e nervosa”. La ascolto e lei sembra già più serena. Propongo di pianificare una seduta di igiene orale in cui preparare lo sbiancamento dentale e un consulto con l’Ortodontista, per valutare l’opportunità di un allineatore invisibile per sistemare qualche imperfezione.

…Non è mai solo una questione di sorriso… ma è bello ricordarsi quanto spesso tutto cominci proprio da lì

Ma il suo “assist” è stato notevole e mi sento di spaziare su qualche considerazione generale riguardo lo stile di vita. Attività fisica? Poca, confessa lei, che ha abbandonato la passione per la danza per buttarsi sul lavoro e ritagliarsi solo qualche sporadica corsetta al mattino. Anche solo una camminata, ma che sia tutti i giorni, consiglio io: per battere lo stress e favorire un riposo sano.

“Il tempo si trova, consideralo quasi come una medicina… per il tuo star bene!”, le dico. Lei si apre in una timida risata, lo sguardo rivela che ha afferrato il messaggio. Le parlo anche della meditazione, altra preziosa alleata nello sciogliere ansie e tensioni e affrontare al meglio i periodi più difficili. Dal sorriso alla pelle: Claudia vorrebbe fare una visita dermatologica per un controllo dei nei e una valutazione delle prime piccole rughe attorno agli occhi. E poi le labbra: “… non le sembrano troppo segnate per la mia età?”.

Il colloquio è diventato quasi confidenziale. Ora c’è spazio per tutto. Si è creato un feeling prezioso, che va onorato. Salutandomi, pronta a fissare i prossimi appuntamenti, mi promette che rinuncerà a fumo, caffeina… e a qualche zucchero di troppo: “Voglio sentirmi meglio: grazie, dottore!”.

Non è mai, soltanto, questione di sorriso. Ma è bello ricordarsi come, quanto spesso tutto cominci proprio da lì.