Scopriamo quali sono i “falsi amici” a tavola… e scegliamo i veri alleati del benessere!

I prodotti industriali sono accattivanti, anche per la praticità… difficile non lasciarsene tentare! Attenzione però all’altro lato della medaglia: questi cibi sono spesso addizionati di sostanze non certo benefiche. Qualche sgarro ci può stare, ma solo in via eccezionale: per il nostro benessere impariamo a “smascherare” i falsi amici e a preferire alternative sane e altrettanto invitanti… scoprendo che prepararle in casa è più semplice di quel che si pensi!

Succhi di frutta: contengono tanti zuccheri e poche fibre e vitamine; molto meglio la frutta fresca da sgranocchiare al momento (comoda anche da portare con sé)

Cereali industriali: sono ricchi di zuccheri aggiunti; preferiamo cereali grezzi non zuccherati (fiocchi di avena, quinoa, farro), da arricchire con frutta fresca o secca, uvetta, cioccolato fondente

Yogurt alla frutta o altri gusti “golosi”: per essere sano lo yogurt dev’essere bianco, senza zuccheri; benissimo lo yogurt greco, quello intero vaccino o di soia, il kefir, da arricchire poi con frutta fresca o secca, cereali integrali, cacao amaro

Bibite dolci gassate: sostituiamole con acqua, anche frizzante, a cui si può aggiungere succo di limone, lime, arancia, qualche foglia di menta, zenzero, oppure tè freddo o caffè shackerato senza zucchero

Merendine e biscotti: a colazione e merenda meglio una torta semplice fatta in casa oppure yogurt, frutta fresca o secca, cioccolato fondente (con il 70% minimo di cacao)

Snack salati: patatine e salatini non devono essere lo spuntino quotidiano… sostituiamoli con olive, verdura cruda magari in pinzimonio (sfizioso anche per i bambini!) o cubetti di Parmigiano (ottimi abbinati a mandorle e noci)

Condimenti: no a maionese, ketchup, dadi, sughi pronti; puntiamo su oli aromatizzati con erbe o spezie, salse fatte con lo yogurt, brodi e sughi casalinghi (per un brodo bastano cipolla, carota e zucchina, un sugo sano può essere fatto semplicemente saltando dei pomodorini in padella)