Sano & tradizionale: portiamo a tavola il benessere con il “nostro” cibo

La salute si costruisce a partire dall’alimentazione “storica” del proprio popolo. L’ha rimarcato il convegno internazionale “Positive Nutrition” che si è tenuto a Ginevra lo scorso 6 giugno: un seminario che ha rivalutato i vantaggi delle diete appartenenti alla storia di ciascun popolo, contestando il riduzionismo alimentare e l’idea di un modello “universale”.

Ecco i principali punti emersi:

non esistono cibi buoni o cattivi, ma piuttosto linee dietetiche che vanno recuperate e valorizzate, includendo sempre anche gli stili di vita

lo stile nutrizionale è inserito in un sistema complesso che contempla molteplici variabili, che vanno ben al di là dei singoli componenti di ciascun cibo

non esiste una dieta “adatta a tutti” che non tenga conto degli aspetti storici, geografici e genetici di un popolo: prova ne è il fatto che, dove si stanno affermando modelli diversi, aumentano le malattie cardiovascolari e quelle metaboliche

no a demonizzazioni o etichette troppo severe attribuite ai cibi in base al contenuto di zuccheri, sale o grassi

servono piuttosto campagne di informazione e promozione della salute, oltre a linee guida dettate da basi scientifiche ma sempre all’insegna dell’equilibrio

Per approfondire https://www.quotidianosanita.it/scienza-e-far…/articolo.php…

cibo tradizionale