Da 35 anni lavoro in ambito medico e odontoiatrico. È un lavoro di frontiera, se così si può chiamare occuparsi di emergenze, urgenze, piani di trattamento complessi di riabilitazione della funzione masticatoria e occlusale; nonché di conoscere la storia clinica e di contribuire ad aggiustare le terapie, spesso non corrette, di molti, troppi pazienti.

Non faccio il lungo elenco delle innumerevoli possibilità di trasmissione crociata di infezioni, attraverso aerosol e materiali biologici cui veniamo in contatto quotidianamente. Posso dire che da 35 anni difendo la salute dei miei pazienti, del mio team, quella mia e dei miei “cari” (di chi vive con me e attorno a me).

L’attenzione alla disinfezione e sterilizzazione degli strumenti che usiamo, la sanificazione degli ambienti, l’utilizzo “maniacale” dei dispositivi di protezione individuali (DPI: mascherine, schermi protettivi, camici monouso, guanti), oltre al controllo selettivo di tutti i pazienti e operatori che arrivano in Clinica, ci porta a dire che curarsi dal dentista è molto più che sicuro.

È una forma di prevenzione primaria che, attraverso la scrupolosa attenzione e conoscenza dello stato di salute, propone atteggiamenti e stili di vita che aiutano a mantenersi sani o a migliorare il proprio benessere.

Il triage telefonico, o all’arrivo in Clinica di pazienti e operatori, ci consente di fare un primo screening.
L’utilizzo di tutte le protezioni (DPI) e l’accuratezza che da sempre mettiamo nell’eseguire visite e terapie sono il secondo livello di protezione da trasmissioni crociate di tutte le malattie infettive.

Il terzo step riguarda la sterilizzazione degli strumenti, la sanificazione degli ambienti, il ricambio e filtrazione forzata dell’aria ambiente, il ricambio delle protezioni personali.

Il quarto è insegnare al paziente le norme igieniche e gli stili di vita per mantenersi in salute.
Quinto, una rete di medici iper specializzati è a disposizione per qualsiasi necessità.
Ultimo, non per importanza, tutti ci sottoponiamo periodicamente al test rapido Covid. [pullquote]…È una forma di “prevenzione primaria”, che propone atteggiamenti e stili di vita che aiutano a mantenersi sani[/pullquote]

Meglio che da qualsiasi altro medico, dove ormai si va solo per farsi dare medicine o quando si sta male.
Meglio che in qualsiasi altro posto, dove le basilari norme igieniche vengono spesso disattese.

Da noi, oltre alla terapia specifica, che sempre più tende a migliorare, ristabilire una corretta funzione, si difende con precauzione la salute. Insomma, si fa vera prevenzione.

Ezio Costa

2019 © CLINICA EZIO COSTA - P.IVA 03865690238 - VIA FRIULI, 5 - 37060 SONA - VERONA - DIRETTORE SANITARIO: Ezio Costa (Albo Medici Chirurghi Verona n. 04826 - Albo Odontoiatri Verona n. 00232)

Questo sito si attiene alle Linee guida sulla pubblicità dell’informazione sanitaria contenute in questo documento: “LINEE GUIDA” DEL DOCUMENTO APPROVATO DALLA FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI

Lo stesso documento è visibile sul sito della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

Tutto il materiale contenuto in questo sito, incluse fotografie, video, immagini, illustrazioni e testi è protetto da copyright. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta.

Autorizzazione sanitaria rilasciata dal Comune di Sona con provvedimento Prot. n. 35320 del 27.10.2017