Ascolto attivo e motivazione del paziente: “un patto” per il suo sorriso

  Ne parlavo con i miei collaboratori, proprio qualche giorno fa. È stata l’occasione per tornare a riflettere su un tema importante, su un concetto basilare per tutti noi del team. Mi riferisco all’empatia con il paziente. Letteralmente “mettersi nei panni di”, mettersi dal punto di vista dell’altro, capire il suo mondo “come se” fosse il proprio. A me piace …